fbpx
cicloturismo in Italia - foto di gruppo in bici

Cicloturismo in Italia: pionieri dal 1972

La storia del cicloturismo in Italia e di conseguenza dei nostri marchi prende forza dalla spontaneità e dalla passione per i viaggi di una giovane coppia, Paola Malpezzi Price e Rick Price che dal 1972 hanno portato viaggiatori americani e non solo alla scoperta dell’Italia. Leggere le loro prime esperienze riempie l’animo di energia. Inoltre, fa capire bene come la loro idea di organizzare tour di gruppo in bicicletta fosse tanto innovativa quanto da pionieri. Lasciamo alle parole di Rick il resto del racconto.

Come iniziò Bike Across Italy

Per celebrare la laurea di Paola presso l’Università di Pisa nel luglio 1971, pedalammo con le nostre bici a tre velocità da Pisa a Firenze e poi sugli Appennini fino a Forlì, città natale di Paola. Salutammo la famiglia e gli amici e poi ci dirigemmo negli Stati Uniti, poiché dovevo ancora laurearmi all’Università dell’Oregon. Non avevamo idea di quando saremmo tornati in Italia o di cosa ci riservava il futuro. Eravamo rassegnati a non tornare in Italia per almeno due anni.

Sei mesi dopo, l’Italia ci mancava così tanto che rimanevamo svegli la notte a riflettere su come tornare. Dovevo laurearmi nel giugno del ’72 e ci trovammo di fronte alla domanda su cosa fare del resto della nostra vita. Ma, più che affrontare quella domanda, la necessità di tornare in Italia ebbe la precedenza.

Parafrasando un verso di Steinbeck nel suo meraviglioso libro Travels with Charley, era febbraio, era l’Oregon e pioveva. Non so come sia andato effettivamente il processo di pensiero, ma ricordo i piccoli annunci economici sul retro di Atlantic Monthly, Saturday Review e Harper’s. C’erano annunci di ville in affitto nei Caraibi e in Toscana per libri rari e per navi charter. Ad un certo punto immaginai annunci per andare in bicicletta in tutta Italia, proprio come avevamo fatto da Pisa a Forlì.

Non ci volle molto per entrare in azione, per inserire annunci in tutte e tre queste pubblicazioni e in venticinque quotidiani universitari su e giù per la costa del Pacifico. A giugno avevamo prenotato ventitré persone per quattro diversi tour “Bicycling Across Italy”. Il viaggio costava $ 245. Fornivamo tende, biciclette, un veicolo di supporto per il trasporto dei bagagli e tutti i pasti. I nostri clienti fornivano sacchi a pelo e pedalavano, basta.

cicloturismo in Italia - foto di gruppo in Picnic

Una volta saputo che i tour sarebbero stati effettuati, ordinammo le biciclette tramite il padre di Paola in Italia e ci organizzammo per arrivare due settimane prima del primo tour per scovare i campeggi e un ristorante al giorno per i nostri pranzi. La colazione e la cena dovevano essere consumate nei nostri campeggi. Un pasto che ricordo ancora in una piccola trattoria sugli Appennini ci è costato esattamente un dollaro per un piatto di pasta, un piatto di carne con insalata, vino e dolce.

La nostra pianificazione proseguì nei tempi previsti, tranne quando il furgone che lo zio di Paola ci aveva promesso non si è materializzò. All’ultimo minuto trovammo un meccanico con un autocarro Fiat del 1952 a pianale in vendita. Voleva $ 85 e garantiva che sarebbe durato per sempre. Andammo alla fattoria di suo fratello per vederlo. Dopo aver tirato fuori i conigli e la paglia dal taxi, iniziò tutto. Ci accordammo sul fatto che il proprietario lo avrebbe messo a punto e lo avremmo ritirato in due giorni.

Le bici erano pronte per partire quando arrivammo ​​in Italia. C’erano dieci biciclette con quattro velocità ciascuna e selle di plastica dure come un piano di lavoro. Ci costarono $ 50 a testa. Non avevamo la più pallida idea della manutenzione della bicicletta, anche se potevo cambiare una gomma. Il meccanico che ce li vendette ci assicurò che li avrebbe messi a punto dopo ogni tour.

Raccogliemmo altri due clienti che distribuivano volantini davanti all’ufficio dell’American Express a Firenze, ma perdemmo tre giovani clienti il ​​primo giorno di tour. Pare che avessero incontrato in aereo una coppia di italiani che avevano promesso di far passare loro un bel periodo in Italia e non volevano perdere l’occasione. 

Il primo tour fu esaltante. Fu una vera avventura, anzi, una spedizione! Non possiamo dire che non sia andato senza intoppi, ma ci divertimmo moltissimo. Ci accampammo nei campi dei contadini, ai margini dei villaggi, in un campeggio in cima all’Appennino e nel campeggio cittadino a Firenze. Ricordo ancora una sera in cui un contadino portò due bottiglie da due litri di vino Sangiovese da condividere con il nostro gruppo intorno al fuoco. L’ultima sera, concludemmo il tour in grande stile all’ostello della gioventù di Pisa con un drink sotto la torre pendente.

cicloturismo in Italia - foto di gruppo 4 ciclisti la famiglia

Un altro incidente che ricordo di quella prima stagione è stato quando programmammo un “giorno di riposo” e un’escursione in cima agli Appennini. Dovevamo fare un’escursione al Monastero di Camaldoli lungo il crinale. Secondo la mia stima (no, non l’avevamo esplorato in anticipo!) Erano circa venticinque chilometri tra andata e ritorno. Una lunga camminata, sì, ma si rivelò più di quaranta! Abbiamo anche pensato che i monaci ci avrebbero venduto il pranzo. Inizialmente si rifiutarono, finché non scoprirono che avevamo camminato così lontano per arrivarci e dovevamo tornare a piedi lo stesso giorno! In effetti, fu un pasto memorabile. Una giovane donna si rifiutò di tornare a piedi e insistette per tornare al campo in autostop. Mi sentivo a disagio a permetterle di farlo da sola, quindi l’accompagnai nel viaggio di 100 chilometri in auto.

Un gruppo aveva solo due persone. Furono un’ottima compagnia e come una vacanza per noi. Dal quarto gruppo, e dopo sei settimane in bicicletta e in campeggio, eravamo stanchi dello stesso percorso. Suggerimmo alle cinque donne dell’ultimo gruppo di fare un giro in Romagna. Fu più piatto e il cibo fantastico. Dissero che sarebbero andati a vedere Firenze e Pisa dopo il tour. Così andammo da Forlì a Ravenna, poi a Ferrara, per finire vicino a Bologna.

La stagione si concluse con un solo incidente. Il nostro carro sagomato si fermò una volta sull’autostrada, rendendoci abbastanza nervosi, poiché le sue carte non erano del tutto in ordine. Sembra che il telaio che avevamo costruito sul retro per trasportare bagagli e biciclette fosse illegale. Avevamo ricevuto un avvertimento da un agente di polizia all’inizio dell’ultimo tour, quindi quando vedemmo altri poliziotti per strada, mandammo avanti alcuni dei nostri clienti per distogliere la loro attenzione mentre il camion passava. Lo stratagemma funzionò perfettamente e non fummo più fermati.

Parcheggiammo il camion alla fine della stagione, appendemmo le biciclette per l’inverno e partimmo per viaggiare in Europa, dopo aver ottenuto un lavoro con un programma di studio all’estero per una parte dell’anno.

Vendere i tour “Across Italy” il secondo anno, nel 1973, fu un problema perché eravamo stati in Europa per tutto l’inverno. Mandammo a mio fratello e sua moglie istruzioni e un assegno di $ 300 in modo che potessero occuparsi della pubblicità dalla loro casa a Boulder, in Colorado. Dovevano inserire gli annunci, rispondere al telefono e spedire opuscoli. Sembrava abbastanza semplice, eppure quell’anno si iscrissero solo due persone. Così cancellammo tutti i nostri tour e tornammo in Oregon per iniziare la scuola di specializzazione. Arrivò il 1985 prima di dare una nuova svolta alle nostre avventure in bicicletta e ricominciare, questa volta con due giovani figlie al seguito. Quelle due giovani figlie ripresero da dove avevamo interrotto nel 2008 e oggi non potremmo essere più orgogliosi di loro.

Rick Price - fondatore dell'azienda

Rick Price - fondatore dell'azienda

Rick Price e sua moglie, Paola Malpezzi Price, hanno fondato Bike Across Italy nel 1972, Italian Specialty Tours, Inc. nel 1985 ed ExperiencePlus! Specialty Tours, Inc. nel 1993, anche se la passarono alle figlie Monica e Maria Elena nel 2008. Rick ha conseguito un dottorato di ricerca in Geografia e ha progettato tour in bicicletta in molti paesi del mondo. Nel 2006 ha fondato Bike Fort Collins insieme ad altri sostenitori della bicicletta locale. Paola si è ritirata come capo dipartimento del Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere presso la Colorado State University nel 2014. Da allora la coppia avventurosa è andata in bicicletta in Albania, Mongolia, Cuba, Francia e Italia e ha viaggiato ampiamente in Cina, Uzbekistan, Costa Rica, Messico, Perù, Canada e Stati Uniti occidentali, compresa l'Alaska.

Vacanze in bici in famiglia? Si può fare!

Sono molte le persone che negli ultimi anni hanno scelto di vivere vacanze più autentiche, salutari e con meno conseguenze sull’ambiente. Viaggiare in bici in famiglia infatti non è solo una vacanza, ma un’esperienza di vita all’insegna della sostenibilità, del divertimento e del relax. Condividiamo qui con te alcuni consigli per un viaggio davvero indimenticabile.  Praticare uno stile

Leggi Tutto »
Romagna Toscana: vacanze attive e cultura che emoziona

Romagna Toscana: vacanze attive e cultura che emoziona

Romagna Toscana, territorio posto sul versante adriatico dell’Appennino tosco-romagnolo che geograficamente appartiene alla Romagna ma che – essendo stato governato per secoli da Firenze – mostra evidenti segni dell’influenza toscana nell’architettura, nella cultura, nell’arte e in molti altri aspetti. La storia ci consegna la Romagna montana come territorio legato alla Toscana e la potente famiglia

Leggi Tutto »
Brisighella mediovale gita in bici

Weekend in bici in Italia: 5 idee di viaggio

Viaggiare in bici ti permette di immergerti nella natura, di evitare luoghi affollati, ma soprattutto di spostarti in autonomia godendoti tutto il percorso. A volte non serve partire per lunghi viaggi, basta scegliere la destinazione che si preferisce e partire per un weekend in bici che sia tra parchi naturali, antichi borghi o città d’arte.  Sono tantissime le esperienze

Leggi Tutto »
Idee per le vacanze estive: più freschi in montagna

Idee per le vacanze estive: più freschi in montagna

Se stai cercando idee per le tue prossime vacanze estive..si sta più freschi in montagna, quindi prendi in considerazione i benefici di queste magnifiche zone. Da giugno a settembre sei fuori dal calore intenso dell’estate; immerso nella natura col profumo di pino mugo e di sottobosco. In tanti per questa estate sceglieranno come meta la

Leggi Tutto »
Noleggio bicicletta: l’importanza di bike fitting e briefing

Tour in bici: l’importanza di bike fitting e briefing

Chiamato anche Bike Fitting, la regolazione della bicicletta, così come il briefing sono parte fondamentale nel noleggio di una bicicletta. Chi ben comincia…è a metà dell’opera Forse la fase più importante e il primo contatto, soprattutto per chi è alla prima esperienza di noleggio. Sfortunatamente sono ancora poche le aziende che si concentrano su questo

Leggi Tutto »

Pedalando lungo le ciclabili del Trentino-Alto Adige

Il nostro accompagnatore Michele Quaresimin ci racconta il suo tour preferito pedalando lungo le ciclabili del Trentino-Alto Adige a bordo fiume, circondati dalle statuarie Dolomiti. Esperienza per tutta la famiglia? Scopriamolo insieme. Ciao Michele, bello averti su Pedaliamo in Italia. Come collabori con Pedaliamo in Italia? Di cosa ti occupi? Con l’azienda Pedaliamo in Italia collaboro dal

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su

Questo sito prevede l’utilizzo di cookie di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, o continuando a navigare senza cambiare le impostazioni dei cookie si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni